4th July

Il mio primo fourth of July, il mio primo Independence Day.20160704_115041

Che tutto sommato non è né più né meno di un weekend end di luglio come un altro. Solo più lungo, visto che quest’anno il 4 cade di lunedì. Ciò che realmente si nota è la frequenza con cui da questo weekend fino alla fine del mese esploderanno fuochi d’artificio, tutte le sere, in posti diversi.

Il 4 luglio gli Stati Uniti festeggiano il loro compleanno, ricordando il luglio 1776 in cui le 13 colonie ottennero l’indipendenza dall’ Inghilterra, in cui venne scritta, approvata e firmata la Dichiarazione d’Indipendenza. Fu in effetti il 2 luglio 1776 la data in cui venne redatto il documento, e solo a fine mese venne firmato; ma il 4 luglio venne scelta comunque come la data simbolo, quella in cui la Dichiarazione fu mostrata pubblicamente. Nonostante la verosimile previsione di John Adams, uno dei firmatari, che considerava il 2 luglio come il compleanno d’America, il giorno simbolo divenne il 4 luglio, ma agli Americani di oggi questo poco importa. Tutto il mese diventa una celebrazione della nazione, tradotta in fuochi d’artificio, barbecue, bandiere svolazzanti ovunque, casse e casse di birra consumate.

20160703_212209

20160703_183635

In pratica, un nostro 25 aprile o un 2 giugno. Della serie, si’ si’ evviva l’Italia (o in questo caso l’America), ma … dove grigliamo questo weekend?

20160703_204457

Noi questo 4 luglio siamo stati in zona, senza fare gite particolari o weekend via; un po’ per motivi economici, un po’ perche’ Nick lavorava anche sabato, e un po’ perche’ anche tutti i nostri amici erano a casa. Quindi giu’barbecue la sera, una camminata su un sentiero domenica pomeriggio, piscina da amici lunedi’ e fuochi d’artificio tutte le sere.

20160704_211705

20160704_201338

Gruppo di amici che gioca a “corn hole” , aspettando i fuochi del 4 luglio.

Unica delusione: il triplo botto senza luci che segna la fine dello spettacolo pirotecnico qui non esiste. Dopo il gran finale e l’applauso, quindi , aspetta qualche secondo. Si sa mai che qualche botto sia ancora da sparare.

Ma nonostante tutto, HAPPY BIRTHDAY AMERICA!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *